Nautica Lariane - Home Attivita' DINAMICHE E PROSPETTIVE DI MERCATO DELLA FILIERA NAUTICA DEL DIPORTO

DINAMICHE E PROSPETTIVE DI MERCATO DELLA FILIERA NAUTICA DEL DIPORTO
QUARTA EDIZIONE - ANNO 2015.

SCARICA IL DOCUMENTO COMPLETO IN FORMATO PDF

Uno strumento per comprendere il settore e per l’orientamento delle Aziende e delle Istituzioni nella defi nizione delle strategie future. Siamo ormai giunti alla quarta edizione del nostro Rapporto di Ricerca sulle Dinamiche Economiche e le Prospettive di Mercato della Filiera Nautica del Diporto.
Abbiamo registrato con innegabile soddisfazione l’attenzione crescente dei tanti operatori del settore e della stessa stampa specializzata nei confronti di questo lavoro di analisi che impegna fortemente la nostra Organizzazione. Uno studio che ha inteso fondare i presupposti del suo successo sulla scelta strategica di ricercare e rendere percepibile al lettore una visione più ampia e integrata della filiera italiana del diporto rispetto a quanto in passato veniva realizzato da altri studi.
Per questo motivo, ci siamo sempre riferiti fin dall’origine ad una metodologia di lavoro finalizzata a confezionare un rapporto di ricerca dinamico, flessibile ed in continua evoluzione; e chi vorrà dedicare un po’ del suo tempo anche all’edizione di quest’anno, ne troverà ulteriore conferma. Basta già scorrere l’indice per rendersene conto. Il Rapporto contiene, infatti, un’esposizione ragionata del quadro complessivo dell’economia e dei suoi andamenti congiunturali e un’analisi aggiornata sulle prospettive del mercato internazionale e italiano, basata su dati statistici che per il comparto nautico tengono già conto del trend dei primi mesi 2016.
Nel contempo,tuttavia, non sfuggirà l’ulteriore ampliamento del campo d’indagine rispetto a quello già realizzato nelle precedenti edizioni.
Nuove aree Paese vengono prese in esame e monitorate più nello specifi co, valutandone effettive potenzialità e/o criticità di mercato;un capitolo adhoc viene dedicato alla promozione fieristica specializzata di settore che, come noto, sta vivendo da qualche anno nel nostro Paese forti riposizionamenti e notevoli difficoltà. Nuove informazioni arricchiscono e completano il quadro di conoscenze di cui già disponiamo su entità e dinamiche interne della “catena del valore” nella subfornitura e componentistica specializzata di settore.
La Ricerca approda con altri capitoli a finalità ancor più didattiche e divulgative: dall’industria culturale di alta gamma, alla normazione tecnica e alle problematiche connesse alla tutela della proprietà industriale e dei processi di certifi cazione e classificazione di prodotto nel campo nautico.
Continua la serie dei “focus” di approfondimento su scala regionale con due nuove regioni molto significative per la filiera, quali Marche e Lombardia. Tutto ciò, ci teniamo fortemente a ribadirlo,senza cadere in atteggiamenti autoreferenziali,in quanto il nostro obbiettivo primario come Organizzazione di rappresentanza imprenditoriale resta quello di dare un contributo a una conoscenza più complessiva del comparto e di apportare nuovi elementi di competenza e consapevolezza al lavoro quotidiano delle imprese.
Lo facciamo anche con l’auspicio che si possano rivedere in un arco temporale non troppo lungo giorni più lieti e promettenti per gli operatori del diporto nautico italiano. Sono, infatti, proprio i dati aggiornati riportati nella Ricerca a mettere in evidenza il forte divario tra le prospettive di crescita della cantieristica nazionale dei grandi yacht, moderatamente più confortanti, e quelle della piccola nautica e di varie attività di service connesse che restano, invece, molto più incerte, con uno scarto ormai enorme nel fatturato complessivo “stimato”del comparto, tra quello prodotto sull’estero e quello realizzato sul mercato interno.
Come più volte richiamato in altre sedi, negli anni più tristi della crisi recessiva il mondo della politica e delle istituzioni non ha certo operato in veste “anticiclica” a sostegno della filiera italiana del diporto e molte aziende ne hanno pagato pesantemente le conseguenze. L’ultima parte della Ricerca è proprio dedicata ad un esame, necessariamente sintetico, dei principali atti normativi e legislativi che nel corso del 2015 hanno riguardato in modo più diretto la nautica da diporto. Ne esce un quadro che fotografa un’inversione di tendenza da parte della politica e delle istituzioni rispetto agli anni passati che,con la doverosa cautela, fa pensare ad un cambio di sensibilità del mondo politico istituzionale che andrà assolutamente incentivato e concretizzato in nuovi provvedimenti di sostegno e di semplifi cazione amministrativa.

SCARICA IL DOCUMENTO COMPLETO IN FORMATO PDF